Biografia I film Gli scritti Fotografie

Materiale resistente


regia Guido Chiesa, Davide Ferrario
fotografia Giovanni Cavallini, Gherardo Gossi e altri
fonico Giuseppe Napoli
montaggio Luca Gasparini
musica A.F.A., Africa Unite, Corman & Tuscadu, Coro "I 101", C.S.I., Disciplinatha, Lou Dalfin, Marlene Kuntz, Mau Mau, Modena City Ramblers, Officine Schwartz, Umberto Palazzo e il Santo Niente, Rosso Maltese, Settore Out, Ustmamò, Yo Yo Mundi.
organizzazione Giovanni Saulini
produzione Dinosaura
produttori esecutivi Franca Bertagnolli, Davide Ferrario, Maurizio Totti.

Ormai un classico, pluripremiato e visto in numerosi festival (a cominciare dalla "prima" a Torino nel 1995), Materiale resistente è stato anche un confortante caso di successo di pubblico, sotto forma di distribuzione indipendente in sale, circoli, associazioni e attraverso l'home video.
Il film, partendo dal concerto di Correggio del 25 aprile 1995, tratteggia il senso e l'emozione del sentimento antifascista che attraversa le generazioni dai partigiani del '44 ai ventenni di oggi.

"Il video, all'inizio, è nato dalla semplice voglia di riunire tecnici, amici e complici per documentare un evento suggestivo e necessario: il 25 aprile 1995 a Correggio, giorno del primo dei molti concerti legati all'uscita (e all'improvviso successo) del CD Materiale resistente . In seguito si è passati ad un progetto più ambizioso e stimolante: fare un lungometraggio sul sentimento dell'antifascismo in questi cinquant'anni, un film (immagini + suoni) su un sentimento fatto di passione, idee ed esperienze talvolta contraddittorie, facendo ben attenzione a far sì che il risultato finale non fosse né un documentario tradizionale, né un film concerto, né tantomeno un'operazione celebratoria sulla Resistenza."
(Davide Ferrario)


Materiali resistenti
1995, edizioni Dinosaura

vai alla pagina >